Calendario 2014

01 gennaio 2014

Benvenuti nel  2014 con una full immersion, alle frontiere del possibile, nelle tecniche espressive aperte dalla stampa a caldo, un tuffo fra il fiorire incontenibile delle pennellate dei rossi  esplosi degli Hibiscus,  dai pistilli di polvere di sole e d’oro e dalle foglie venate da toni di verdi pallidi e profondi  e fresco-lucenti a rilievo.

Ci troviamo in piena foresta pluviale, precisamente nel territorio della Monarchia elettiva Federale e Parlamentare della Malesia, o Malaysia, con capitale Kuala Lumpur. Lingua ufficiale dei circa trenta milioni di abitanti è il malese, ma fra le decine di popolazioni diverse per lingue e dialetti, colori e fogge di abiti e copricapi, usi alimentari e religiosi, si parlano per comprensione reciproca anche l’inglese, il cinese e l’hindi.

La composizione del  Calendario Kurz  2014, mirabilmente realizzata con stampe a caldo, è basata su tessuti  dipinti dall’artista malesiano Nabil Ibrahim, nato nel 1989 a Kajang, nello stato di Selangor.

Il sogno esotico  continua  in essa con i  preziosi  tessuti  manufatti su doppio telaio di Songket,  intrecciati con filo d’oro, le cui radici affondano nella tradizione malese da quattro secoli, e da qui espanse ad altre zone dell’Indonesia peninsulare ed insulare. In uso fin dalla seconda metà del ‘600,  il filo d’oro utilizzato per impreziosire il Songket  è leggero e durevole,  ed il suo colore non sbiadisce anche dopo centinaia di anni. Per due metri di questo panno è necessario un mese di lavoro.

Continua a leggere