Storie in Bottiglia

Storie in Bottiglia, presentato con un evento alla fine del 2017 da Nuceria Group, nome di riferimento in Europa nella creazione e produzione di packaging integrato, è frutto della collaborazione tra Nuceria e l’agenzia creativa nju:comunicazione.

Il progetto si propone di veicolare nuove forme di packaging per il mondo del Wine & Spirits attraverso sei micro racconti legati ad altrettanti eventi storici o icone del passato. 

Così Marilyn Monroe, Sir Winston Churchill, la Caduta del Muro, la Rivoluzione Cubana, il Proibizionismo e 007 diventano soluzioni per champagne, birra, vino e vodka, icone che si trasformano in simbolo di un progetto editoriale pensato per mostrare le tecniche di stampa e le più innovative finiture speciali.

«Storie in bottiglia è più di un’operazione di marketing. Negli anni abbiamo capito che in ogni bottiglia si “conserva” sempre qualcosa di speciale: la storia del prodotto e del produttore» spiega Guido Iannone, General Manager Nuceria Group. «È così che un’etichetta diventa l’incipit di quella storia, una finestra su un universo narrativo pronto per essere “bevuto” già a prima vista. D’altronde, dietro a una grande etichetta c’è sempre una grande storia, ed è proprio quella storia che vogliamo aiutare a raccontare».

E di speciale le bottiglie hanno anche i nostri preziosi materiali.

Siamo molto orgogliosi che Nuceria Group abbia utilizzato, su ognuna delle sei etichette raccontate, uno dei nostri foil: collaboriamo da anni nella filiera del packaging e l’originalità e la freschezza di questo tipo di iniziative apporta nuova linfa e vitalità per idee e proposte che possano evocare una storia anziché seguirla.

I design e i materiali di ciascuna delle sei etichette richiamano e rendono il significato di meraviglia che il racconto in sé vuole trasmettere, i nostri foil entrano a farne parte e si adattano perfettamente al mondo creato da e per il packaging delle bottiglie.

Storie in Bottiglia è un caleidoscopio di momenti ed emozioni, è una raccolta di sensazioni che ogni design dovrebbe trasmettere, è un modo nuovo per rafforzare il ruolo di narratore che il packaging assume, ovvero di chi parla e illustra esperienze inesplorate.

LE ETICHETTE

Winston
Lo Stile è una carta che rimane integra, in ogni condizione. 
La Storia è un bicchiere di champagne ghiacciato bevuto al momento giusto.

Felicità in bottiglia
Winston ha sempre preferito le bolle
che salgono alle bombe che cadono,
ma sulle prime non ha preferenze:
basta che siano assolutamente le migliori.
E lo dice ogni volta che finisce, felice,
un’altra bottiglia di champagne.
E ogni sera Winston è sempre più felice.

 

Per l’etichetta Winston sono stati utilizzati due nostri foil:
Colorit® 912
Luxor® 220

Due foil indubbiamente classici che insieme ricreano la più emblematica idea di etereo ed elegante.
Il metallizzato dell’oro e la compattezza del nero sono sempre una scelta fondamentale quando il racconto assume i toni della serietà di un noir. 

 

Argento vivo 

Ci sono persone speciali, con l’argento vivo addosso, che brillano di luce propria anche quando di luce proprio non ce n’è. Speciali come un’etichetta con argento caldo e vernice lucida.


Dieci anni
Marta, dieci anni ai tempi del proibizionismo.
Ogni notte corre per le strade di Tontitown,
Arkansas, per avvertire i produttori di vino
di contrabbando in caso di arrivo della Polizia.
Marta non ha mai bevuto vino,
ma per vent’anni ha corso libera
tutte le notti.
 
Il foil utilizzato per Argento vivo:
Luxor® Alufin 
 
Nessun altro foil può descrivere a pieno il significato dell’argento vivo, un foil color argento caldo che regala sfumature brillanti capaci di illuminare anche la notte più buia.
 

 

Norma Comune

Di etichette ce ne sono tante: semplice, esagerata, fatta in casa, ma ci si ricorda solo di alcune. E basta poco per trasformare qualcosa di comune in unico, a patto di sapere cosa cambiare. Non basta un altro nome, chiamarle label e cambiare carta. Serve tatto ed un tocco in più, una specie di magia che inizia prima ancora di stampare. 

La cottura del tacchino
La luce dei flash è sempre troppo forte.
Non ci si abitua, mai. E poi non scalda, mai.
Nemmeno Norma ci si è ancora abituata.
Ma adesso, mentre è a tavola con pochi amici
e gioca distratta col suo bicchiere di vino,
ha una sola cosa che le frulla in testa:
La cottura del tacchino
“avrò cotto bene
quello stramaledetto tacchino?”
 
Norma Comune è stata nobilitata in micro-embossing con il foil:
Luxor® 220
 
In questo caso l’oro è stato utilizzato come si usa un make up, per dare un tocco di brillantezza alla grafica e regalare luce all’immagine, senza bisogno di grandi accorgimenti, tutto diventa singolare con un soffio di oro.
 

Il tocco caldo del vento
A volte accarezzare una carta speciale, con una serigrafia in rilievo, lamina in oro colato a caldo è emozionante quanto accarezzare un caldo vento d’inverno.

Il vento
C’è un dettaglio che lega la fine
di ogni rivoluzione: il vento.
Niente di intenso – non per forza
almeno – è più uno strano moto dell’aria. E
quel vento rimane nelle cose. Ernesto
lo sa e per questo non ha ancora aperto
la bottiglia di rum cubano comprata
quel giorno. Fino a stasera.

Il tocco caldo del vento della rivoluzione ha usato il nostro foil:
Luxor® 428

Effetto oro colato per un’etichetta che vuole e riesce ad evocare libertà, che apre lieve una breccia verso la rivoluzione attraverso il senso del tatto.
L’oro in rilievo si rivela come un forza ribelle e riesce a sfuggire al conformismo.

Oro in bottiglia 
Oro giallo, oro rosso, oro bianco. Una birra in bottiglia è sempre qualcosa di grande valore ed impatto. E qualunque sia la birra, lo sleeve deve essere altrettanto importante, magari con oro a caldo, ma sempre impattante. Come un piccone su un muro.

Birra
Stephan vive a Berlino
ed ha talmente tanti ricordi
da non riuscire a ricordarli tutti.
Uno però lo ricorda eccome,
un ricordo fatto di picconi,
muri caduti e mani che stringono altre
mani. E ogni volta che ricorda
beve una birra.


Anche per celebrare il valore della birra per questa etichetta è stato usato il foil:
Luxor® 428

I ricordi importanti che lasciano una traccia indelebile nella memoria vanno celebrati con un foil significativo e quindi per la birra di nuovo un oro accogliente e familiare.
L’oro del nostro Luxor 428 accompagna emozioni forti insieme ad un brindisi.

 

 

Il segreto dello sleeve

Certe etichette sono come le spie: sembrano mostrare tutto, ma poi ti accorgi che nascondo altro, magari dettagli come un braille che senti solo sotto le dita o una vernice che s’illumina con una luce particolare. Certe etichette sono fatte così, bisogna solo scoprire quali sono.
 
Belgrado
Pochi ricordano Belgrado, forse perché
Belgrado-non-c’è-mai-stata. Quella volta,
più che in ogni altra missione-che-non-c’è mai-
stata, non c’era spazio per errori.
Di nessun tipo. Anche solo sbagliare un
vodka martini, mescolarlo piuttosto che
agitarlo, poteva scoprire le carte e costarti
la vita. James lo sapeva bene.
E alla fine anche il barman l’ha capito.
Una volta per sempre.

Per Il segreto dello sleeve i foil utilizzati sono due:
Luxor® Alufin Matt;
Light Line® Laser Argento

Atmosfera nebbiosa rappresentata dal nostro foil argento, come quella dei film che parlano di spie e giochi di potere.
Una canna di fucile fumosa e cangiante dona una nota raffinata alla freddezza del metallo.

Per approfondimenti: Nuceriagroup/Storie in Bottiglia